Luca Bardolla Trading School™

📖 Differenze tra ETF ed ETC

Nel mondo del trading e della finanza, le sigle sono dappertutto, ed è facile sbagliarsi tra uno strumento ed un’altro, e questi due di solito, essendo strumenti simili vengono spesso confusi.

Oggi parliamo delle differenze tra ETF ed ETC.

Gli Exchange Traded Commodity, ETC, offrono la possibilità di investire facilmente in singole materie prime e metalli preziosi.

Il valore di un ETC si basa sul prezzo a pronti (ovvero a fornitura immediata) o sul prezzo future (a fornitura futura) di una singola materia prima, oppure di un paniere di materie prime selezionate.

Se si desidera investire solo in una materia prima, si deve acquistare un ETC.

Esistono ETC (Exchange Traded Commodity) su:

  • metalli preziosi
  • metalli industriali
  • petrolio
  • gas naturale
  • soft commodity
  • Carni ed allevamento.

Gli ETC sono negoziati sulle borse valori proprio come gli ETF, spesso hanno gli stessi vantaggi ma con un’importante differenza: gli ETC non sono attività del fondo protette in caso di insolvenza dell’emittente.

Gli ETC rappresentano un’obbligazione del fornitore dell’ETC.

Con gli ETC l’investitore deve sostenere il rischio da parte dell’emittente, e per ridurre tale rischio chi emette un ETC ricorre a diversi metodi di “protezione” che vengono chiamati metodi di collateralizzazione.

Nel Master in ETF e Azioni vediamo ogni genere di ETC, come, quando, se e perchè farci trading, vieni qua e registrati al Master .

Al tuo successo!

Luca 🙂

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading