fbpx

Luca Bardolla Trading School™

📖 Analisi intermarket: utilizza le relazioni tra mercati diversi per migliorare il tuo trading

Introduzione

L’analisi intermarket è un approccio di studio dei mercati finanziari che tiene conto delle relazioni e delle interdipendenze tra diversi asset e mercati. Questo metodo di analisi si basa sull’idea che i movimenti di un mercato influenzano direttamente o indirettamente quelli degli altri mercati, permettendo ai trader e agli investitori di identificare trend e opportunità di investimento. In questo articolo, esamineremo l’importanza dell’analisi intermarket, le sue basi teoriche e alcune strategie per applicarla con successo nel trading.

  1. Basi teoriche dell’analisi intermarket

L’analisi intermarket si basa su due concetti fondamentali: la correlazione e la causalità. La correlazione è una misura della relazione tra due variabili, mentre la causalità indica la relazione causa-effetto tra queste variabili. L’analisi intermarket cerca di identificare le relazioni di correlazione e causalità tra diversi mercati, con l’obiettivo di prevedere i movimenti futuri e individuare opportunità di trading.

  1. I quattro principali mercati finanziari

L’analisi intermarket si concentra principalmente su quattro mercati finanziari:

  • Mercato azionario: rappresentato da indici come S&P 500, Dow Jones, Nasdaq, FTSE 100 e altri indici globali.
  • Mercato obbligazionario: rappresentato dai titoli di stato, come i Treasury bond statunitensi o i Bund tedeschi.
  • Mercato delle materie prime: include oro, petrolio, argento e altre materie prime.
  • Mercato delle valute: il mercato forex, dove si scambiano le valute tra loro, come l’euro, il dollaro, lo yen e la sterlina.
  1. Le relazioni tra i mercati finanziari

Le relazioni tra i mercati finanziari possono essere positive, negative o neutre. Una relazione positiva indica che i due mercati tendono a muoversi nella stessa direzione, mentre una relazione negativa indica che i due mercati tendono a muoversi in direzioni opposte. Una relazione neutra indica che i due mercati non hanno una relazione diretta tra loro.

Ad esempio, spesso si osserva una relazione positiva tra il mercato azionario e il mercato obbligazionario, in quanto entrambi risentono dell’andamento dell’economia. Al contrario, una relazione negativa è tipica tra il mercato delle materie prime, come l’oro, e il mercato azionario, poiché l’oro è spesso considerato un rifugio sicuro in tempi di incertezza economica.

  1. Strategie di trading basate sull’analisi intermarket

Utilizzare l’analisi intermarket nel trading può portare a strategie più efficaci e a una migliore comprensione dei rischi. Ecco alcune strategie che incorporano l’analisi intermarket:

  • Diversificazione del portafoglio: investire in diversi mercati può ridurre il rischio complessivo del portafoglio
  • Arbitraggio: approfittare delle discrepanze di prezzo tra mercati correlati, comprando un asset mentre si vende un altro correlato.
  • Pairs trading: identificare coppie di asset con una forte correlazione storica e prendere posizioni opposte quando la correlazione si indebolisce temporaneamente.
  • Analisi tecnica multi-market: utilizzare indicatori e pattern grafici per analizzare le relazioni tra diversi mercati e prevedere i loro movimenti futuri.
  • Trading basato su eventi macroeconomici: seguire gli eventi economici globali e le loro ripercussioni sui diversi mercati per individuare opportunità di trading. 
  1. Esempio pratico: il legame tra il petrolio e il dollaro

Un esempio noto di relazione intermarket è quella tra il prezzo del petrolio e il valore del dollaro statunitense. Generalmente, esiste una correlazione negativa tra i due: quando il prezzo del petrolio aumenta, il valore del dollaro tende a diminuire e viceversa. Questa relazione è dovuta al fatto che il petrolio è scambiato principalmente in dollari e l’aumento del prezzo del petrolio può portare a un aumento della domanda di dollari, influenzando il suo valore. Un trader che tenga conto di questa relazione potrebbe, ad esempio, prendere posizioni opposte sul petrolio e sul dollaro per sfruttare le variazioni di prezzo dovute alla correlazione.

  1. Limiti dell’analisi intermarket

Nonostante i suoi vantaggi, l’analisi intermarket presenta alcune limitazioni. Le relazioni tra i mercati possono cambiare nel tempo, a causa di fattori economici, politici o tecnologici. Inoltre, le relazioni tra mercati possono essere complesse e non lineari, rendendo difficile l’individuazione di modelli precisi. Infine, l’analisi intermarket non garantisce il successo nel trading: è importante combinare questo approccio con altre tecniche di analisi e gestione del rischio.

Conclusione

L’analisi intermarket può offrire una visione più ampia e approfondita dei mercati finanziari, permettendo ai trader di comprendere meglio le relazioni tra diversi asset e mercati. Questo approccio può aiutare a individuare opportunità di trading e migliorare la gestione del rischio attraverso la diversificazione del portafoglio e l’utilizzo di strategie basate sulle relazioni tra mercati. Tuttavia, è importante essere consapevoli delle limitazioni dell’analisi intermarket e integrarla con altre tecniche di analisi e gestione del rischio per massimizzare le probabilità di successo nel trading.

Al tuo successo!

Luca Bardolla

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading

Per poter procedere verrai contattato/A da un nostro consulente via WhatsApp. Assicurati che il tuo numero di cellulare sia corretto.