Luca Bardolla Trading School™

📖 Cosa sono i futures

Nel trading, spesso si sente parlare di futures su indici, mini-futures ecc.

I futures sono largamente usati dagli operatori dei mercati finanziari, ma cosa sono i futures?

Il future è un contratto derivato scambiato su mercati regolamentati mediante il quale un acquirente ed un venditore si impegnano a scambiarsi una determinata quantità di una certa attività finanziaria o reale (chiamata sottostante) ad un prezzo prefissato e con liquidazione differita a una data futura prestabilita.

Se l’attività sottostante è una materia prima si sta parlando di commodity future, se l’attività sottostante è una valuta si parla di currency future, se il sottostante è un invece si parla di index futures, ecc…

I futures nascono come strumento per coprire una posizione su un bene specifico, e nascono per collegare i produttori con i mercati ed assicurarsi la vendita di una materia prima ad un certo prezzo o di coprirsi dal rischio di movimento di una materia prima.

Pensa ad esempio ad una compagnia petrolifera che ha acquistato N barili di petrolio. L’azienda per coprirsi dal ribasso dei prezzi può vendere N contratti futures sul petrolio così da coprirsi da eventuali ribassi del prezzo del greggio.

Anche se nascono come strumenti di copertura, i futures sono largamente utilizzati come strumenti speculativi permettono operatività in leva finanziaria su mercati che sono regolamentati ed altamente liquidi.

Il future viene definito un contratto simmetrico tra due parti, compratore e venditore sono obbligati ad effettuare una prestazione a scadenza.

Nella stragrande maggioranza dei casi le negoziazioni tramite futures non si concludono mai con la consegna fisica del bene sottostante.

I trader sul mercato dei futures preferiscono liquidare le proprie posizioni rivendendo un contratto future precedentemente acquistato o acquistando il contratto future precedentemente venduto così da risparmiare sui costi di consegna o perchè si utilizzano i contratti con soli puri scopi speculativi.

Se il future giunge a scadenza, potrà essere liquidato per cash settlement (ovvero calcolandone il controvalore monetario) oppure potrà avvenire la consegna fisica dell’attività sottostante. In quest’ultimo caso l’esatta quantità e qualità dei beni da consegnare sono fissate dal mercato dove vengono scambiati i contratti su quel specifico sottostante.

Ogni contratto future definisce l’ammontare che il venditore dovrà consegnare al compratore per ogni contratto stipulato, ad esempio i contratti sui live cattle (bovini adulti vivi) sono di 18 tonnallate (40 vitelli), i contratti sul cotton (cotone) sono di 50000 libbre, sul petrolio 1000 barili.

Nell’operatività che insegniamo nella scuola utilizziamo i futures sulle materie prime nel Master in Commodity, dove scoprirai ogni segreto sui futures e le mie strategie sulle materie prime 👉🏻   https://www.lucabardolla.com/commodity

Al tuo successo!

Luca 🙂

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading