fbpx

Luca Bardolla Trading School™

📖 Dialoghi tra trader – Cose comuni

Parto subito con il dire che non ho conosciuto Ray Dalio, Warren Buffett e Paul Tudor Jones, questo è un articolo nato da una mia riflessione fatta qualche sera fa, dopo una lunga conversazione tra trader.

Mi serviva un’immagine figa per iniziare il post, ma ti posso assicurare che queste 4 cose valgono anche per loro, anzi, è banale pensare che queste 4 regole non si applichino a trader miliardari come loro.

Vedi, spesso mi viene chiesto perché vivo a Malta e a quelli a cui la risposta più ovvia possa sembrare nascosta, quindi a chi non bastasse come risposta il clima, le tasse bassissime e la qualità di vita eccellente, il vero motivo per cui vivo a Malta e che qua è pienissimo di trader.

Ci sono 580 hedge funds sull’isola, tantissimi broker, tantissimi money managers, tantissimi trader privati e tantissimi cripto traders. Qui a differenza dell’Italia quando dico che sono un financial trader capiscono subito che lavoro faccio.

Nella mia vita ho avuto la possibilità di parlare con tantissimi trader professionisti e privati, ex trader, bancheri, ed ogni genere di investitore, sia al mercato alle grida, sia sui derivati. 

La vita mi ha sempre fatto incontrare sulla mia strada trader, addirittura il mio vicino di casa, il mio “dirimpettaio” qui a Malta, lavora proprio dentro alla Borsa di Malta come trader di obbligazioni ed azioni per un fondo.

L’altra sera, finita questa grande chiacchierata, ho realizzato che tutti i trader che conosco che hanno fatto i soldi, utilizzano o hanno utilizzato le opzioni, e da li allora ho iniziato a pensare a quali altre cose avevano in comune i trader che conosco di comprovata bravura, e sono uscite queste 4 cose:

  1. Hanno bruciato velocemente un conto di trading dopo un paio di anni di profitti consistenti
  2. Utilizzano o hanno utilizzato le opzioni
  3. Hanno regole molto precise. Guardano la macroeconomia ma analizzano i cicli di prezzo ed economici.
  4. Sono dinamici nelle posizioni

Ora spiego meglio questi 4 punti:

  1. Hanno bruciato velocemente un conto di trading dopo un paio di anni di profitti consistenti
    Non c’è niente di strano nel fatto che un trader abbia bruciato un conto di trading, ma la cosa che accomuna tutti i trader di successo che ho conosciuto e che a un certo punto hanno bruciato un conto di trading dopo uno o più anni in profitto perché non hanno saputo riconoscere il mercato che cambiava. I mercati finanziari si muovono a fasi e quando cambiano devi essere capace di saperlo riconoscere.
  2. Utilizzano o hanno utilizzato le opzioni
    Tutti e dico tutti i trader che hanno guadagnato tantissimo che conosco utilizzano o hanno utilizzato le opzioni per fare trading e non è un caso che poi siano diventati i trader di successo. Le opzioni ti permettono di guardare il mercato in maniera totalmente non convenzionale e quindi di guardare ai mercati finanziari con un occhio diverso rispetto a chi guarda i mercati finanziari solamente in modo direzionale e questo ormai ho capito che assicura al trader non una ma due marce in più.
  3. Hanno regole molto precise. Guardano la macroeconomia ma analizzano i cicli di prezzo ed economici
    I trader non lavorano mai “di pancia”.ogni trader di successo che conosco a regole precisissime per entrare a mercato, per gestire le operazioni, per valutare i propri sistemi di analisi, per pianificare le operazioni, per gestire il money management ecc.
    Un’altra cosa che accomuna i vari trader e che le loro regole si basano su modelli creati partendo dall’analisi ciclica, quasi nessuno dei trader che conosco fa trading sulle notizie o sulla macro economia, tutti guardano e osservano la macro economia la valutano perché conoscono le basi del mercato ma poi il giorno attraverso il filtro della liquidità cioè in un modo in un altro analizzano la liquidità che si muove sui mercati finanziari.
  4. Sono dinamici nelle posizioni
    Questa é una regola che il trader acquisisce dopo la sua prima grande perdita: non rimanere rigido sulle tue idee. Ci sono due cose che decretano la fine certa di un conto di trading e sono il voler rimanere rigidi su una posizione nonostante il mercato ti stia andando contro e il non saper ammettere che si è sbagliato. Queste due cose insieme creano un mix micidiale per il tuo conto di trading perché non chiudere delle operazioni che stanno perdendo ti porterà solo a perdere di più o peggio ancora ad aumentare l’esposizione in quella direzione, e non saper mettere che sia sbagliato non ti permetterei mai di chiudere i gestire queste operazioni o le eventuali perdite.

Ed è proprio da regole come queste che si definisce e delinea l’operatività di un trader, sono proprio le esperienze e gli sbagli che formano e forgiano un trader portandolo a lavorare sulla consistenza dei propri profitti, sul rischio controllato, su regole precise per lavorare al mercato e tutto questo all’interno di sistemi di valutazione e di analisi del mercato dinamici.

Al tuo successo.

Luca  🙂

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading

Per poter procedere verrai contattato/A da un nostro consulente via WhatsApp. Assicurati che il tuo numero di cellulare sia corretto.