Luca Bardolla Trading Schoolโ„ข

๐Ÿ“– Su quale timeframe fare trading

Quanto devi “osservare da vicino” il prezzo?

Spesso parlo con persone che hanno iniziato da poco a fare trading e molte fanno lo stesso errore: guardare timeframe piccoli come il 5 o il 15 minuti e ci fanno trading sopra.

Intanto un’analisi completa parte dal conoscere lo storico del grafico mensile, poi chi fa trading tutti i giorni come me utilizza due grafici principali: uno di lungo periodo ed uno di breve periodo. Nello specifico io utilizzo un grafico giornaliero, dove faccio le analisi di macro, ed un grafico intraday orario che utilizzo per guardare quando e come entrare a mercato.

Quindi per prima cosa devi avere una visione complessiva del mercato, poi utilizzare un grafico piu’ piccolo per entrare ed uscire dal mercato con precisione. Anche se fai trading solo su un grafico giornaliero, usa almeno un grafico a 4 ore per entrare con maggior precisione.

La “lunghezza” dei timeframe da analizzare dipende dal tipo di trading che vuoi fare.

– Se vuoi fare trading di lungo periodo usa grafici giornalieri

– Se vuoi fare trading intraday usa un grafico di lungo periodo per le analisi di macro ed uno orario per entrare a mercato.

Sconsiglio sempre di utilizzare i timeframe come il 5 minuti o il 15 minuti, in quanto i pattern e le forme geometriche che il prezzo crea sono di poco valore.

Un conto e’ un supporto o una resistenza bucato su grafici giornalieri, un conto e’ un supporto o una resistenza bucato sul 5 minuti.

Un conto e’ la rottura di una trendline su grafici orari che tieni da giorni e giorni, un conto e’ la rottura di una trendline di qualche ora che osservi sul grafico a 5 minuti.

In piu’ devi considerare lo spread e le commissioni, se operi su grafici piccoli avrai stop loss e take profit piccoli dove le commissioni e lo spread per operare incidono molto.

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading