fbpx

Luca Bardolla Trading School™

📖 14 tipologie di StopLoss

Introduzione

Lo stop loss è uno strumento fondamentale per chiunque si occupi di trading, dalle azioni alle criptovalute, dal forex ai derivati. Il suo obiettivo è prevenire perdite eccessive, limitando il rischio in situazioni di forte volatilità dei mercati. Questo articolo esaminerà in dettaglio diverse tipologie di stop loss, illustrando come e quando utilizzarle per una gestione efficace del portafoglio.

I. Lo Stop Loss Fisso

Lo stop loss fisso è il più semplice e comune. Si tratta di un livello prestabilito di perdita massima che un trader è disposto a sopportare su un singolo trade. Quando il prezzo dell’asset scende al di sotto di questo livello, la posizione viene automaticamente chiusa, limitando così la perdita.

La scelta del livello di stop loss fisso dipende dal profilo di rischio del trader, dalla volatilità del mercato e dalle aspettative di rendimento. Ad esempio, un trader potrebbe impostare uno stop loss fisso del 2% o del 5% al di sotto del prezzo di acquisto. Il beneficio principale è la sua semplicità e l’immediata limitazione del rischio.

II. Lo Stop Loss Dinamico (Trailing Stop Loss)

Lo stop loss dinamico, o trailing stop loss, è una strategia più avanzata. A differenza dello stop loss fisso, il trailing stop si adatta ai movimenti del mercato. Si imposta una certa percentuale o un valore specifico al di sotto del massimo raggiunto dall’asset: se il prezzo dell’asset aumenta, lo stop loss si sposta di conseguenza, ma se il prezzo scende, lo stop loss rimane fermo.

Questa strategia consente di proteggere i profitti non realizzati e di partecipare alle tendenze positive del mercato, pur limitando il rischio di perdita. Tuttavia, richiede una buona comprensione dei movimenti di mercato e può richiedere un monitoraggio più frequente.

III. Lo Stop Loss Percentuale

Lo stop loss percentuale è simile allo stop loss fisso, ma viene calcolato come percentuale del valore dell’investimento iniziale o del valore corrente dell’asset. Per esempio, se un trader investe 1.000 euro in un asset e imposta uno stop loss percentuale del 10%, la posizione sarà automaticamente chiusa se il valore dell’asset scende a 900 euro.

Lo stop loss percentuale è utile quando si desidera mantenere una certa proporzione di rischio rispetto all’investimento totale. Come per lo stop loss fisso, la scelta della percentuale dipende dal profilo di rischio del trader e dalle aspettative di rendimento.

IV. Lo Stop Loss Volatility

Lo stop loss volatility, noto anche come stop loss VIX, è basato sulla volatilità dell’asset piuttosto che sul suo prezzo. Utilizza indicatori di volatilità come l’indice VIX per impostare i livelli di stop loss.

Questo tipo di stop loss può essere particolarmente utile in mercati altamente volatili,

come quelli delle criptovalute, in quanto può proteggere da perdite dovute a rapidi cambiamenti di prezzo. Tuttavia, richiede una buona comprensione degli indicatori di volatilità e potrebbe non essere adatto a tutti i trader.

V. Lo Stop Loss Time

Lo stop loss time è una strategia in cui la posizione viene chiusa dopo un determinato periodo di tempo, indipendentemente dal prezzo dell’asset. Questo può essere utile per i trader che operano su un orizzonte temporale specifico, come i day trader o i swing trader.

Il beneficio principale dello stop loss time è che consente di limitare il rischio di eventi di mercato imprevisti che potrebbero verificarsi al di fuori delle ore di trading. Tuttavia, può comportare la chiusura di posizioni profitable se il tempo prestabilito si esaurisce prima che il prezzo dell’asset raggiunga il target di profitto desiderato.

VI. Lo Stop Loss a Barriera (Barrier Stop Loss)

Lo stop loss a barriera, o barrier stop loss, è una strategia in cui viene impostato un livello di prezzo specifico, o ‘barriera’, al quale si desidera vendere l’asset. Questa strategia è particolarmente utile quando si prevede che il mercato raggiungerà un certo livello di prezzo, ma si vuole evitare perdite se questo non dovesse accadere. Una volta che l’asset raggiunge la barriera, lo stop loss viene attivato e la posizione viene chiusa.

VII. Lo Stop Loss Multi-Step

Lo stop loss multi-step è una strategia avanzata che combina diversi livelli di stop loss in una sola operazione. Questa strategia è utile quando si gestiscono operazioni complesse che implicano più assets o derivati. Invece di avere un singolo livello di stop loss, si hanno più ‘passaggi’ o livelli che, se raggiunti, attiveranno una vendita. Questo permette una gestione più flessibile del rischio e può aiutare a massimizzare i profitti e minimizzare le perdite.

VIII. Lo Stop Loss Parziale (Partial Stop Loss)

Lo stop loss parziale, o partial stop loss, permette di vendere solo una parte del proprio asset quando viene raggiunto un determinato livello di prezzo. Questo permette al trader di mantenere una parte della posizione aperta per potenziali guadagni futuri, mentre assicura una certa protezione dalle perdite.

IX. Lo Stop Loss Basato sull’Intelligenza Artificiale

Con l’avanzamento della tecnologia, nuove strategie di stop loss basate sull’intelligenza artificiale (AI) stanno emergendo. Questi sistemi usano l’apprendimento automatico e l’analisi dei dati per prevedere i movimenti dei prezzi e impostare i livelli di stop loss in modo ottimale.

Tuttavia, come con tutte le tecnologie emergenti, vi sono rischi associati. L’intelligenza artificiale non è infallibile, e i suoi modelli di previsione possono essere influenzati da errori di dati, overfitting e altri problemi. Pertanto, è essenziale capire come funziona l’intelligenza artificiale e valutare attentamente i potenziali rischi prima di adottare queste strategie.

X. Stop Loss Garantito

Lo stop loss garantito è una funzionalità offerta da alcuni broker che garantisce l’esecuzione dello stop loss al prezzo impostato, indipendentemente dalla volatilità del mercato o da eventuali gap di prezzo. Questo può offrire una protezione extra in mercati particolarmente volatili o durante eventi di mercato imprevisti. Tuttavia, questa funzionalità potrebbe comportare costi aggiuntivi.

XI. Stop Loss su Opzioni

Un’altra strategia innovativa è lo stop loss su opzioni. Questa strategia comporta l’acquisto di un’opzione put come protezione per un’azione o un altro asset. Se il prezzo dell’asset scende, l’opzione put aumenta di valore, compensando così la perdita. Questa strategia può offrire una protezione più flessibile e può essere più economica rispetto all’utilizzo di uno stop loss tradizionale, specialmente per posizioni di grandi dimensioni.

XII. Stop Loss basato su Indicatori Tecnici

Una strategia più avanzata implica l’uso di indicatori tecnici per impostare i livelli di stop loss. Ad esempio, un trader potrebbe utilizzare medie mobili, bande di Bollinger, supporti e resistenze, o altri indicatori tecnici per identificare livelli di prezzo ottimali per lo stop loss. Questa strategia richiede una solida conoscenza dell’analisi tecnica, ma può offrire una maggiore flessibilità e precisione rispetto ai metodi tradizionali.

XIII. Stop Loss basato su Eventi

Lo stop loss basato su eventi prevede la chiusura della posizione se si verifica un evento specifico. Questo evento può essere un cambiamento fondamentale nel mercato, come un rapporto sugli utili aziendali, una decisione della banca centrale, o un cambiamento politico. Questo tipo di stop loss può aiutare a proteggere il portafoglio da eventi imprevisti che possono causare volatilità estrema.

XIV. Stop Loss Mentale

Lo stop loss mentale non è una strategia formale, ma piuttosto un impegno del trader di vendere un asset quando raggiunge un determinato prezzo. Questo richiede disciplina e autocontrollo, in quanto il trader deve resistere alla tentazione di mantenere una posizione perdente sperando in una ripresa del prezzo.

Conclusione

L’implementazione dello stop loss è una parte fondamentale della gestione del rischio nel trading. Con la varietà di strategie di stop loss disponibili, i trader possono trovare il metodo che si adatta meglio al loro stile di trading, al profilo di rischio e agli obiettivi finanziari. Ricordate sempre, però, che lo stop loss è solo uno strumento per gestire il rischio. La formazione continua, l’analisi approfondita e la disciplina nel trading rimangono essenziali per il successo a lungo termine nel mercato finanziario.

Condividi il post sui tuoi social

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Riceverai i nuovi articoli e le notizie dalla scuola di trading